Dietro i fuochi: le interviste #6

Siamo arrivati alla sesta intervista, questa volta l’ospite è una mia amica napoletana Lydia Capasso, di professione restauratrice ma di vocazione “cuciniera“. Trasferitasi a Milano, ci siamo perse di vista ma navigando in internet l’ho ritrovata, prima scriveva solo sul blog  Tzatziki a Colazione adesso invece fa parte del gruppo di Gastronomia Mediterranea quindi le ho posto le mie curiose domande per capire com’è la sua cucina, vediamo cosa ci ha detto.

Come è nata la tua passione? Non so se si può definire la mia una passione. Forse chiamerei divertimento quello che mi spinge a cucinare e a cercare di conoscere il mondo che si muove intorno al cibo: le persone, i prodotti, la terra, la cultura.

Ci descrivi la tua cucina? E’ estremamente lineare, si sviluppa su tre lati, uno dei quali con una splendida finestra davanti alla quale c’è il mio piano di lavoro. I pensili sono lucidi, color crema ed il top e lo schienale a contrasto, scuri ed opachi, in laminato stratificato. Il piano cottura è cinque fuochi a gas , il mio fiore all’occhiello è il forno che ho scelto con gran cura e di cui vado molto fiera: si illumina molto bene perché ha le luci all’interno dello sportello, inoltre ha la funzione lievitazione, quella per le cotture a bassa temperatura e per la pizza ed il pane, ha delle comode teglie scorrevoli grazie a guide telescopiche e soprattutto cuoce in maniera uniforme. Uso spesso anche il microonde che trovo utilissimo per scaldare e scongelare ma di cui uso molto anche la funzione crisp. Il posto d’onore è per impastatrice e robot da cucina, ma anche l’apparecchio per il sottovuoto e la gelatiera occupano un posto importante. “A sovrastare il tutto la mia collezione di scatole di latta.”

Hai modificato la tua cucina da quando fai la food blogger? Ho sempre amato cucinare, soprattutto per gli amici quindi direi che la cucina che ho da poco rifatto è frutto dell’esperienza maturata negli anni più che del blog.

Di che materiale sono le tue pentole, i tuoi coltelli, i tuoi utensili? Le pentole sono in acciaio, una batteria che mi regalò mia madre quando misi su casa per la prima volta, circa 15 anni fa. E’ rimasta quella negli anni, non ho aggiunto nulla, solo qualche padella. I coltelli sono in acciaio e qualcuno in ceramica.

Che cosa cambieresti della tua cucina e perchè? La cucina è nuova, l’ho fatta a mia immagine e somiglianza, quindi devo ammettere che mi piace così com’è, se solo avessi un po’ di spazio in più ci metterei un tavolo.

Quali sono le caratteristiche più importanti che secondo te debba avere una cucina per chi ci lavora? Deve essere luminosa e soprattutto è essenziale avere tutto a portata di mano.

Grazie Lydia per la disponibilità, poi farò un riassunto di tutte le caratteristiche che ho raccolto in queste interviste, per vedere la maggior parte di voi cosa predilige.

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: