Le luci in cucina

Il progetto dell’illuminazione è molto importante in tutti gli ambienti della casa e non deve essere assolutamente trascurato. La luce non ha solo un valore funzionale, ma anche estetico ed emozionale. Un ambiente caldo e familiare è anche ottenuto attraverso un giusto rapporto di luci ed ombre. In cucina, per ogni zona va progettata una forma di illuminazione appropriata. Quando abbiamo una cucina con basi e pensili, la sola luce al soffitto crea ombra sul piano di lavoro, proiettata dal nostro corpo, per cui è necessario avere le luci sottopensile che possono essere sia faretti che led.

Quando invece non abbiamo i pensili ma le mensole allora la soluzione è di illuminare il piano con gli applique a parete o le sospensioni che creano un effetto molto gradevole.

Se la cucina è più articolata ed abbiamo un’isola allora possiamo sia avere la cappa che funge anche da sospensione, queste che ho scelto sono delle marca Elica nella sezione Designer Lounge.

Sia avere delle belle cappe grandi, professionali che illuminano il piano ed hanno un’ottima aspirazione data la potenza del motore.

Poi ci sono le luci di tendenza, molto originali, lampadari che illuminano direttamente il tavolo oppure il piano operativo.

Oggi assistiamo ad un mutamento della natura della luce, dall’incandescenza ai led. I fattori determinanti che influiscono sulla scelta dei led sono sicuramente la sostenibilità, il risparmio energetico e la loro durata. L’ arch. Carlotta De Bevilacqua, lighting e interior design afferma che “la sostenibilità detta le scelte, la funzione detta la forma, quello che si progetta è la luce e non le lampade” . La sua lampada che ha brevettato per Artemide Copernico ” è un apparecchio costituito da nove ellissi concentriche e mobili ricavate da un’unica lastra di alluminio anodizzato, tagliata al laser. Le ellissi supportano un circuito di 384 Led bianchi. Il volume e il peso contenuti riducono notevolmente l’impiego di energia durante il trasporto e lo stoccaggio. La mobilità degli elementi e le sorgenti Led in bassissima tensione, che consumano pochissima energia elettrica, permettono di configurare la luce nello spazio impugnando e muovendo fisicamente l’oggetto e modulando così l’emissione. Copernico ha ricevuto il Reddot Design Award nel 2011″.

Per cui quando dovete illuminare un ambiente state molto attenti, la scelta non è delle più semplici!!!

3 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: