Il vetro di Changing Atmosphere

Ingresso.

Ero in via Santa Marta a Milano zona 5 Vie, quando sono entrata in questo fantastico appartamento, ho scoperto poi essere un coworking tutto al femminile studio ’98, una realtà molto suggestiva, con ambienti colorati, luminosi e pieni di oggetti, mi sarebbe piaciuto lavorare lì, la condivisione di uno spazio di lavoro è molto allettante, infatti sono alla ricerca di qualcosa di simile a Roma. Ma continuiamo con la nostra visita…
 06
Oggetti in vetro colorato erano in giro sugli scaffali, alcuni vuoti, altri contenevano delle candele altri ancora dei fiori. Incuriosita ho chiesto informazioni ed ho incontrato la creatrice di Changing Atmosphere Guia Bartolozzi, ma lascio a lei la parola.
changing atmosphere..jpg
Ciao Guia, raccontaci chi sei.
Io sono architetto, ho 29 anni, vengo da Firenze ed ho studiato al Politecnico di Milano.
Al mio terzo anno ho cominciato a lavorare part-time allo studio’98 con l’arch. Clara Bona, nello spazio da te visitato durante il Fuorisalone 2016. Sono stata con lei per 5 anni, dalla quale ho imparato molto sul mestiere di architetto soprattutto nella ristrutturazione di appartamenti privati.
Lavorare nel coworking è stato molto stimolante, c’era sempre possibilità di confronto anche con le altre, chi architetto, chi grafica e chi seguiva Communication e marketing.
L’opportunità di avere più persone che si occupano di cose diverse nello stesso spazio è sicuramente vincente, perché permette di essere sempre aggiornato su diversi fronti. Il nostro era ed è uno spazio tutto al femminile, si parlava tanto anche di esperienze personali e di tutto quello di cui conversano le donne, l’ambiente è fantastico, sempre con musica e molto rilassante, si lavorava bene ed alzarsi la mattina non era per niente un problema.
Fiori-jpg.jpg
Perchè ne parli al passato?
Perché vivo a Firenze da settembre 2015, anche se continuo a collaborare a distanza con Clara Bona e almeno una volta al mese vado in studio per un paio di giorni.
02.jpg
Quando è nato il progetto Changing Atmosphere?
L’anno scorso  e come tutti i progetti è nato per gioco!
La mia famiglia possiede e manda avanti un’azienda, la Vetreria Etrusca a Montelupo Fiorentino in provincia di Firenze (dove adesso ho cominciato a lavorare), realizziamo bottiglie per vino, olio, birra, distillati e varie nel settore alimentare. La nostra è un’industria, lo stabilimento produttivo si trova in Liguria e i nostri principali clienti sono ovviamente distributori e cantine vinicole. Siamo sempre stati molto sensibili al design ed infatti le nostre bottiglie sono veramente diverse dalle altre che si trovano sul mercato, contraddistinte da linee ricercate e innovative. Personalmente ho sempre amato questo mondo ed avevo il desiderio di portare queste bellissime bottiglie nel mondo del design e del decoro della casa.
03
Come è nata l’idea?
L’idea è sempre stata quella della “trasformazione” processo che fa parte della natura del vetro stesso. Trasformare la bottiglia vista come oggetto contenitore di qualcos’altro in oggetto che vivesse di vita propria, anche solo da ammirare e che unito a fiori o candele cambiasse letteralmente l’atmosfera dello spazio, da cui Changing Atmosphere. Amo l’artigianalità per cui volevo un passaggio artigianale, ed il taglio è venuto di conseguenza, sempre a Montelupo esiste da molti anni una moleria artigianale guidata dal signor Paolo che è stato molto disponibile e dal quale ho imparato molto sul taglio e la molatura del vetro. Il progetto l’avevo già in mente da qualche mese ma non avevo mai provato a vedere l’oggetto realizzato, era solo nelle mia testa.
Il Fuorisalone?
Lo scorso anno ne parlavo con Clara in studio perché tutti gli anni da quando esiste il distretto 5vie apriamo lo studio presentando qualche progetto. In quel momento mi sono immaginata lo studio sommerso da questi oggetti in vetro che avevo in mente ed è nato tutto. Ho proposta a Clara l’idea e lei mi ha lasciato carta bianca! Tornata a Montelupo ho selezionato le bottiglie che volevo utilizzare dal campionario della vetreria e sono andata dal signor Paolo dove ho passato diversi giorni tra polvere di vetro e rumori vari per mettere a punto i modelli che poi ho presentato.
05.jpg
Ci spieghi il processo di lavorazione? 
Il vetro si taglia con una sega a disco diamantata ad acqua. Passare il tempo in moleria per far nascere il prodotto finito è stato il momento più bello. Il pezzo subisce diversi passaggi prima di essere completo, il taglio e tre passaggi di molatura per rifinire il bordo, ogni pezzo è fatto a mano.
07.jpg
Per il Fuorisalone 2016 cosa hai preparato?
In meno di un mese le bottiglie finali erano circa 400, 6 forme diverse, in grandezze, colore del vetro e finitura. L’evento è andato benissimo, grande pubblicità per lo studio ed anche per Vetreria Etrusca. Con grande sorpresa i feedback sono stati estremamente positivi e tutti volevano questi oggetti e da lì ho capito che sarebbe potuto non essere più soltanto un gioco. La scorsa estate ho partecipato ad altri due eventi a Forte dei Marmi proponendo sempre allestimenti firmati Changing Atmosphere e riproposti alle fiere alle quali abbiamo partecipato come Vetreria. Quest’anno al Fuorisalone 2016 ho proposto una nuova collezione colorata per far capire le potenzialità infinite del prodotto, che può essere personalizzato in tantissimi modi diversi. L’obiettivo adesso è diventata la commercializzazione, sulla quale sto lavorando proprio dalla fine del Fuorisalone, è una parte molto difficile ma ho tanta passione e voglia di farcela.
04.jpg
Dove possiamo trovare i tuoi prodotti?
Grazie all’ultima esposizione in studio ho raccolto molti contatti interessanti per cui posso dire che tra poco si potranno trovare online i primi prodotti Changing Atmosphere. L’idea è comunque quella di essere presente su e-commerce di design  e con un po’ di fortuna anche in qualche negozio a Milano, ma il sogno rimane quello di aprire il mio e-commerce dove proporre tanti prodotti diversi che ho già in testa e non vedo l’ora di realizzare!
8.jpg
Guia in bocca al lupo e grazie per la tua disponibilità!
Non ci resta che aspettare la messa sul mercato dei tuoi splendidi prodotti.
Photo credits: Changing Atmosphere & Kitchen tips

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: