LA FINESTRA IN CUCINA

due-finestre

Spesso nell’ambiente cucina sono presenti una o più finestre, questo rende lo spazio ben illuminato ma può essere anche un vincolo da non sottovalutare: fate molta attenzione all’altezza del davanzale e al tipo di apertura. In America, ma anche negli altri paesi esteri, praticamente ovunque tranne che in Italia, troviamo spesso il lavello posto sotto la finestra. Questo perché generalmente hanno cucine più ampie delle nostre e non si pone la problematica scolapiatti molto sentita da noi italiani.

lavello-sotto-la-finestra

Non potete immaginare quante volte il quesito “pensili con scolapiatti” è emerso nelle mie progettazioni! L’alternativa che propongo sempre è quella di posizionare al di sotto della finestra il piano di lavoro e mai (dico mai) i fuochi, sia perché occorre installare la cappa, sia per una questione di pulizia e manutenzione dell’infisso.

piano-di-lavoro-sotto-la-finestra

Ma veniamo alla scelta della finestra, sostituirla oggi è più conveniente grazie anche ai bonus fiscali del 50% per ristrutturazione edilizia e del 65% per interventi di efficienza energetica. Ma su quali tipi di finestre orientarsi? Prima di tutto occorre valutare il sistema di apertura: l’apertura battente e a vasistas è molto usata in cucina. Altra ottima alternativa, ma un po’ più costosa, è quella ad apertura scorrevole.

infisso-in-legno

Infine il materiale dell’infisso: scelta dettata dallo stile della casa e dal budget. Il legno è sicuramente uno dei materiali che dona alla casa un carattere più caldo, uno stile più classico e può essere verniciato, oppure lasciato al naturale, ma occorre tener presente che ha bisogno di manutenzione. Il costo dipende dal tipo di essenza che si sceglie, sicuramente è un prodotto di fascia medio-alta, benché una volta affrontata la spesa l’investimento poi si ripaghi per diversi anni poiché il comfort è assicurato.

finestre-a-ghigliottina

L’alluminio invece si utilizza più nelle attività commerciali e negli uffici, specialmente quando vogliamo avere dei profili esili e ambientazioni più moderne. Non ha bisogno di molta manutenzione ed il costo è medio.

Finestra in alluminio.jpg

Ma se non vogliamo affrontare una spesa troppo alta l’alternativa è la finestra in pvc, che con le molteplici finiture si avvicina all’aspetto del legno e non solo. Ha un alto isolamento, bassa manutenzione e lunga durata nel tempo.

Per orientarvi al meglio vi consiglio il sito infissi 365 : comodo e pratico poiché basta inserire il cap e compilare la richiesta di preventivo e, nel giro di 24ore, riceverete fino a 5 preventivi da parte di aziende della vostra zona.  Confrontandoli vi assicurate la miglior offerta, risparmiando tempo e denaro e allo stesso tempo, assicurandovi un prodotto di qualità.

Photocredits: board  windows

One Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: